Il Camper e l’Arte di Arrangiarsi

E’ possibile vivere in Camper?

San Francisco, estate 2013… prima di vivere in Camper

Mio marito Gabriele ed io, dopo essere stati per tre mesi a San Francisco (qui la storia) abbiamo vissuto per quasi due anni in un Camper.

Merseburg (Germania), ottobre 2014

 

E’ da tanto tempo che progettavo di farlo e finalmente é venuto il momento. Con oggi, apro ufficialmente una nuova sezione del blog dal nome Pillole di camper: i racconti di chi si ritrova spesso a vivere su quattro ruote 🚐 .

Vi starete certo domandando cosa c’entri una “rubrica per camperisti” (senza pretese, il tutto è molto casereccio e alla buona) con  il piccolo atelier portatile di una donna tuttofare anche un po’artista.

Si potrebbe dire che la mia Bottega è nata in Camper (é vero, Madeleine l’ho dipinto a San Francisco). Per meglio dire, la Bottega di marika si é consolidata in Camper, perché il desiderio, di provare a mettere a frutto i miei talenti artistici, l’avevo già da tempo. Nel nostro periodo di vita nomade hanno preso forma i miei manufatti in pasta di mais (qui la storia). Avevo infatti la necessità di trovare un lavoro artigianale che occupasse poco spazio e, nel caso specifico di una pasta modellabile, dovevo trovarne una che si potesse cuocere sul fornello e non in un forno, dato che il nostro vecchio camper non ne era di certo dotato.

L'interno del nostro vecchio Camper con le mattonelle in decoupage
L’interno del nostro vecchio Camper con le mattonelle in decoupage

La Bottega di marika é legata al camper, perché é la sua sede e laboratorio abituale. Anche da quando abitiamo in una casa, credo di non esagerare nel dire che più della metà dell’anno lo passiamo in camper per il lavoro di mio marito (prima o poi scriverò un articolo dettagliato anche su questo e metterò un bel collegamento qui 😉).

Il mio maritino con tutta la sua attrezzatura da lavoro
Il mio maritino con tutta la sua attrezzatura da lavoro

Macinando kilometri, sostando quasi sempre in libera e accontentandoci di poco, nel nostro piccolo abbiamo messo da parte un pochino d’esperienza. Con le Pillole di Camper, vorrei condividerla con voi e, da voi, poter imparare anche un sacco di altre cose.

Leggi anche: Ricette da viaggio

Il nostro primo camper fu un Ford Transit usato del 1991 con più kilometri di quanto non ci dissero in concessionaria (qui la storia).

Il giorno in cui ci lasciò, dopo la n-esima riparazione, fu davvero triste 🙁 .

L'ultima foto del nostro Trotti
L’ultima foto del nostro Trotti

Lo sostituì degnamente il suo nipote… Stavolta un furgonato Transit, di terza mano, classe 2005… o meglio, un furgone allestito a camper da una ditta di Brescia che ora non esiste più 😅 .

Eccolo in tutto il suo splendore 🌟 … E come si direbbe a Lumezzane (BS) El va chel brusa 🔥!! Certo, il motore robusto è un bel passo avanti (con tutti i kilometri che facciamo è stata una priorità a questo giro), ma lo spazio abitabile piccolo ci costa un po’ di sacrificio… ma ci sentiamo ugualmente tanto fortunati!!

El va chel brusa !!

Leggi anche: Camper o Furgonato? Cosa è meglio acquistare?

 

Spero di averti un po’ incuriosito e, se ti fa piacere, iscriviti alla mia newsletter mensile per rimanere aggiornato sulle nostre avventure, spiare i dietro le quinte della mia minuscola Bottega e… fare, virtualmente, un po’ di strada insieme!!



Buoni Kilometri allora!!!

Follow my blog with Bloglovin

 

Potrebbero interessarti anche:

Elettricità in Camper: la nostra esperienza

Qui eravamo in sosta a Carrara.

 

Camper usato: L’Acquisto e le sorprese

Il nostro vecchio camper il giorno dell’acquisto, amichevolmente chiamato “il Trotti” per via del rumore… ehm… del motore !!!

 

In Germania con il Camper

in germania
Muro di Berlino

 

Se l’articolo è stato di tuo gradimento lasciami un commento, oppure condividilo con i tuoi amici Camperisti =)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*